Franco

Franco ha 45 anni. L’età giusta per un avanzamento di carriera che gli consenta di guardare al futuro suo e della sua famiglia con maggiore tranquillità. Per questo motivo la pressione per mantenere standard elevati è alta. Franco non ha più orari, soprattutto perché deve tenere i contatti con l’estero, in tutto il mondo. Jet-lag, difficoltà gestionali, cene di lavoro stanno mettendo a dura prova la tenuta del suo umore e il suo noto rigore alimentare, che lo ha sempre aiutato a tenersi in forma. Per non parlare della sua indispensabile attività fisica, che non trova più lo spazio di prima, soprattutto perché Franco sente mancare l’energia mentale. È un circolo vizioso, da cui Franco non riesce a uscire.

Consiglio

“Una promozione è sempre gratificate, perché è il riconoscimento delle proprie capacità lavorative. Il rovescio della medaglia è la richiesta di un impegno quasi totale anche a fronte di una famiglia che non può essere trascurata. In queste situazioni l’attività fisica deve restare un riferimento, per ritrovare tono fisico e psichico. Anche in trasferta, basta ritagliarsi una mezzora di camminata a passo veloce dopo gli appuntamenti importanti oppure un’ora di relax nella SPA dell’hotel.
Anche l’alimentazione svolge un ruolo fondamentale: la cena più formale può essere adattata alle proprie esigenze, rifiutando con cortesia qualche portata.
Da non sottovalutare anche l’aiuto di un integratore che aiuti a riportare in equilibrio il tono dell’umore e, in parallelo, l’energia fisica per fare fronte a impegni anche gravosi“.